Aggiornato al: 04 Ottobre, 2018  Visualizzazioni: 7302

Il Segreto anticipazioni 25 agosto 2018: il sodalizio di Francisca e Ignacio

La Montenegro stringe un patto con il terribile padre della Urtiarte

Visualizza Foto

E’ un vero accordo quello tra la Montenegro e don Ignacio, infatti nella puntata Il Segreto di sabato 25 agosto 2018, la matrona farà una rivelazione all’uomo, il quale risponderà con una confessione. Questo segnerà l’inizio di un patto tra i due che, secondo i desideri di donna Francisca, dovrebbero allontanare per sempre Julieta dagli Ortega. Nel frattempo Marcela si sente poco bene, ma purtroppo non si trova in paese. Con lei c’è Fe. Inoltre il processo di Severo viene rinviato per un incidente al tribunale. Di cosa si tratta?

Il Segreto anticipazioni 25 agosto 2018: il segreto di Francisca e Ignacio

Francisca ha un colloquio con don Ingacio e confessa all’uomo di essere stata lei a fargli recapitare il giornale che ritraeva la figlia Julieta. Questo perchè sperava che l’uomo, come poi è accaduto, si presentasse a Puente Viejo. L’uomo a questo punto sente che la donna potrebbe essere una sua alleata e per questo le rivela che sta fingendo e che non sarà mai un padre amorevole per la Uriarte e che il suo unico scopo è la vendetta. Per questo la Montenegro gli promette di far di tutto per aiutarlo a far partire la figlia con lui, in questo

Il Segreto anticipazioni 25 agosto 2018: Marcela entra in travaglio

Fe e Marcela sono vicino al bosco, quando la giovane sposa di Matias inizia a sentire le contrazioni che annunciano l’imminente parto. Entrambe sono nel panico e non sanno cosa fare. Nel frattempo Severo sta per essere condotto in tribunale, ma poi tutto viene rimandato in quanto crolla il tetto dell’edificio. Tutti pensano che sia opera di donna Francisca, ma questa volta pare non sia coninvolta in quanto vengono riferiti i motivi dell’evento a Nicolas, l’avvocato del Santacruz.

Restate con noi per scoprire con le prossime anticipazioni Il Segreto se nascerà il bambino di Marcela e Matias.