Pubblicato il: 09 Gennaio, 2020  Visualizzazioni: 1580

Andrea Iannone, doping confermato ma lui si difende: “Giulia conosce la mia vita”

Anche il campione B dell'antidoping è risultato positivo ma il pilota non si arrende e fa chiarezza

Visualizza Foto

Da qualche settimana, Andrea Iannone è finito al centro dell’attenzione per essere stato ritrovato positivo ad un test dell’antidoping. L’analisi aveva rilevato la presenza di steroidi anabolizzanti dopo il GP della Malesia. Il pilota, tuttavia, si era detto estraneo ai fatti, ma anche il campione B degli esami ha confermato di recente la positività. Andrea era stato sospeso dalle competizioni affinchè chi di dovere valutasse al meglio la faccenda. In queste ore, il pilota si è sfogato su quanto accaduto.

Andrea Iannone: positivo anche al campione B

E’ un periodo complicato per Andrea Iannone che qualche settimana fa è stato sospeso dalle competizioni dopo un test dell’antidoping. Dopo il GP di Malesia, il ragazzo era stato fermato per un controllo ed è stato ritrovato positivo. Nel suo corpo, infatti, sono state rilevate tracce di steroidi anabolizzanti. Lui si è sempre difeso, facendo intendere di non aver usato sostanze che aumentassero la prestazione fisica, tuttavia il campione B ha confermato il doping. Il risultato ha abbattuto decisamente Iannone che ha affermato di recente: “Pensavo di stare in un film di cui sono protagonista involontario: per essere uno sportivo che ha fatto tanti sacrifici è un trauma”. Poi la difesa: “Non uso integratori, solo Supradyn o Polase”.

Andrea Iannone: la rabbia dopo la conferma

Con la conferma alla positività delle ulteriori analisi, Andrea Iannone ha espresso tutto il suo rammarico: “Se sei a posto con la tua coscienza possono marchiarti di quello che vogliono. Di marchi addosso non me ne sento”. Sta di fatto che la quantità rivelata è modica, motivo per cui potrebbe ritornare in pista già dall’8 marzo in Qatar. Una notizia più o meno buona per il pilota che, come ha fatto sapere, può contare soprattutto dell’appoggio di Giulia De Lellis: “È un rapporto che mi dà serenità: viviamo insieme, mi sta vicino e sa qual è la mia vita”. Intanto, il direttore sportivo dell’Aprilia, scuderia per cui gareggia Andrea, ha fatto sapere: “Siamo dalla parte di Iannone, ma per l’Aprilia il rispetto delle regole è sacro. Se ha sbagliato, è giusto che paghi”.

E voi, cosa ne pensate?


CATEGORIE